vino

Isola Bianca

bianco

Isola bianca e Peperino hanno raffigurati due coniglietti assassini che compaiono su manoscritti miniati. Innocue bestiole che si trasformano in cacciatori, guerrieri, persino boia e aguzzini, impugnando lance, asce e spade con la destrezza di cavalieri.

1 4

ISOLA BIANCA
Vernaccia di San Gimignano DOCG

È la sintesi del grande vigneto di proprietà di Teruzzi, da uve provenienti sia dalla zona di Racciano sia da quella di Ponte Rondolino, terreni di origine pliocenica, profondi e tendenti all’argilla. Prodotto in impianti di varia età, dai 15 agli 8 anni, la vinificazione e l’affinamento avvengono esclusivamente in acciaio. Il risultato è un vino fresco e leggiadro, che al naso si presenta con note fruttate, ben integrate a sentori minerali tipici del vitigno. Il gusto è piacevole, di buona complessità, dotato di un ottimo equilibrio tra acidità, struttura e persistenza, in cui le note floreali si alternano a quelle agrumate, esaltando così le caratteristiche più autentiche e luminose della tipologia.

Un retrogusto dal sentore di mandorla gli conferisce un finale leggermente amarognolo. Un vino di ottima bevibilità.
Conigli e cani assassini accompagnano il vino, tipico esempio delle drôlerie, delle bizzarre figure che compaiono e decorano i margini e le iniziali dei manoscritti miniati di epoca gotica. Innocue bestiole che si trasformano in cacciatori, guerrieri, persino boia e aguzzini, impugnando lance, asce e spade con la destrezza di cavalieri. Un mondo alla rovescia molto in voga tra il XIII e il XVI secolo, un tributo all’ironia dei frati amanuensi.

È la sintesi del grande vigneto di proprietà di Teruzzi, da uve provenienti sia dalla zona di Racciano sia da quella di Ponte Rondolino, terreni di origine pliocenica, profondi e tendenti all’argilla. Prodotto in impianti di varia età, dai 15 agli 8 anni, la vinificazione e l’affinamento avvengono esclusivamente in acciaio. Il risultato è un vino fresco e leggiadro, che al naso si presenta con note fruttate, ben integrate a sentori minerali tipici del vitigno. Il gusto è piacevole, di buona complessità, dotato di un ottimo equilibrio tra acidità, struttura e persistenza, in cui le note floreali si alternano a quelle agrumate, esaltando così le caratteristiche più autentiche e luminose della tipologia.

Un retrogusto dal sentore di mandorla gli conferisce un finale leggermente amarognolo. Un vino di ottima bevibilità.
Conigli e cani assassini accompagnano il vino, tipico esempio delle drôlerie, delle bizzarre figure che compaiono e decorano i margini e le iniziali dei manoscritti miniati di epoca gotica. Innocue bestiole che si trasformano in cacciatori, guerrieri, persino boia e aguzzini, impugnando lance, asce e spade con la destrezza di cavalieri. Un mondo alla rovescia molto in voga tra il XIII e il XVI secolo, un tributo all’ironia dei frati amanuensi.

2 4
Formati

375 ml

750 ml

Vernaccia di San Gimignano
100%

375 ml

750 ml

3 4
Origine

Selezione di uve da diversi vigneti di proprietà

Vinificazione

Macerazione pellicolare in pressa e pressatura soffice delle uve, decantazione statica a freddo del mosto, fermentazione alcolica a temperatura controllata di 16°C in serbatoi di acciaio inox.

Affinamento

4 - 5 mesi in acciaio inox a temperatura controllata.

Macerazione pellicolare in pressa e pressatura soffice delle uve, decantazione statica a freddo del mosto, fermentazione alcolica a temperatura controllata di 16°C in serbatoi di acciaio inox.

4 - 5 mesi in acciaio inox a temperatura controllata.

4 4